Anteprima: Monteiro a Vila Real per ripetere la storia nella 100a gara del WTCR

2022-06-29T06:00:18+02:00Giugno 29th, 2022|2022, WTCR Race of Portugal 2022|

Tre anni dopo la sua vittoria sulle strade di Vila Real, l’idolo locale Tiago Monteiro torna in azione in casa per l’evento del WTCR – FIA World Touring Car Cup.

Appena terminata la WTCR Race of Spain al MotorLand Aragón, la serie si dirige a ovest verso un circuito iconico che è stato escluso dal calendario dal 2019 a causa della pandemia sanitaria globale.

Tornerà dall’1 al 3 luglio per la 100a gara del WTCR, che include l’innovativo Joker Lap, utilizzato per la prima volta in una gara automobilistica FIA nel 2017, quando fu aggiunto all’impegnativo tracciato di Vila Real per rendere ancora più vivace l’azione.

Ispirato al FIA World Rallycross Championship, il Joker Lap offre un’opportunità di sorpasso su un circuito in cui questi non sono sempre così semplici. Deve essere effettuato da tutti i piloti, ma non durante i primi due giri, durante un intervento della safety car o in regime di Full Course Yellow.

Il Joker Lap si trova alla rotatoria che contribuisce a formare l’ultima curva del circuito di 4,790 km dopo un tratto veloce in discesa. Invece di tenere la destra, il Joker Lap porta i piloti su un percorso alternativo e più lento a sinistra. Aggiunge 86 metri al giro completo e l’idea è garantire che le posizioni non vengano perse ma, potenzialmente, guadagnate.

La scelta del momento in cui si effettuano i Joker Lap impone alle squadre di adottare la strategia giusta, mentre la pressione sui piloti per non sbagliare è enorme, come ha spiegato Monteiro.

“Il momento e la decisione tra te e la squadra devono essere perfetti e possono davvero giocare a tuo vantaggio”, ha detto Monteiro, che corre con una Honda Civic Type R TCR gommata Goodyear per il LIQUI MOLY Team Engstler. “Quando ti impegni, l’adrenalina è alle stelle perché sai che non puoi sbagliare, ma allo stesso tempo non puoi essere troppo sicuro, altrimenti rischi di perdere una posizione o di non riuscire a sorpassare. È un momento ad alta energia e adrenalina per i piloti”.

“Due anni fa Yvan [Muller] era molto vicino a me e sapevo di dover fare il Joker Lap alla perfezione per poterlo precedere, perché stava arrivando velocemente e sapevo che se si fosse messo davanti non sarei riuscito a sorpassare di nuovo. Sapevo di doverlo fare e il mio cuore ha superato i 200 battiti”.

se Monteiro si affida al suo ingegnere di gara per le indicazioni sui tempi del Joker Lap. “Il team ha una visione migliore di ciò che sta accadendo. Potrei decidere io, ma il team sa che ritmo stanno facendo gli altri e dove si trovano in pista, se sono stati bloccati o hanno pista libera. Ma bisogna anche essere consapevoli di ciò che sta accadendo”.

LA VITTORIA IN RIMONTA DI MONTEIRO RIMANE NELLA LEGGENDA

Tiago Monteiro è stato l’eroe del Portogallo dopo la sua emozionante vittoria in casa nel WTCR sulle strade di Vila Real il 7 luglio 2019. L’ormai 45enne, che vive a meno di un’ora da Vila Real, ha riportato gravi lesioni alla testa e al collo in un incidente nel settembre 2017. In quella stagione era in procinto di vincere il FIA World Touring Car Championship, ma ha intrapreso un lungo e faticoso recupero per tornare alle corse.

Ha preso il comando della terza e ultima gara del weekend di Vila Real quando il suo compagno di squadra Attila Tassi ha avuto problemi con una candela, mantenendo i nervi saldi fino al traguardo per la sua prima vittoria da quando aveva trionfato in Ungheria due anni prima.

“Vincere quella gara è stato il massimo che si possa sperare come pilota in una serie mondiale”, ha detto Monteiro. “È sempre fantastico vincere, ma nel proprio Paese, in un luogo dove si è accolti così bene e dove c’è così tanta passione per quello che si fa, è semplicemente incredibile. Sicuramente la vittoria è stata più emozionante rispetto alle precedenti a causa dell’incidente e delle difficoltà e incertezze del recupero. È stata la mia prima vittoria dopo l’incidente. Tutti erano felici , ma per me aveva un significato speciale”.

Monteiro si è presentato al weekend di Vila Real tre anni fa fuori forma, al punto da giungere 14° nelle qualifiche di Gara 1. Ma una trasformazione improvvisa ha permesso a lui e al team di ottenere un risultato positivo, con Tassi che ha conquistato la pole per Gara 3 e Monteiro che lo ha raggiunto in prima fila.

“Pensavamo di avere una stagione difficile all’epoca ma, ad essere onesti, questa è probabilmente ancora più difficile. A volte si hanno stagioni migliori, altre più difficili e noi abbiamo faticato a essere competitivi, anche se la squadra sta facendo un ottimo lavoro e lavora molto duramente. Sulla carta non sono molto ottimista sulle nostre possibilità a Vila Real. Ma abbiamo una vettura forte ed efficiente sui tracciati stradali e speriamo che questa tendenza della Honda Civic superi le difficoltà che abbiamo e che le cose si ribaltino”.

IL WTCR È PRONTO A COMPIERE 100 ANNI A VILA REAL

Gara 2 a Vila Real segnerà la 100a gara del WTCR – FIA World Touring Car Cup da quando la serie ha preso vita sulle strade di Marrakech, in Marocco, nell’aprile 2018. I piloti del WTCR si riuniranno a Vila Real per celebrare questa pietra miliare, mentre prima dell’evento verrà distribuito un kit informativo per i media con tutti i vincitori e i numeri chiave.

VINCITORI E DEBUTTANTI A VILA REAL

Mikel Azcona, Thed Björk, Norbert Michelisz, Tiago Monteiro e Yvan Muller hanno tutti vinto sulle strade di Vila Real dalla prima visita del WTCR nel 2018. Michelisz e Monteiro si sono imposti anche ai tempi del FIA World Touring Car Championship, quando correvano pure Mehdi Bennani, Tom Coronel e Ma Qing Hua. Dei 17 piloti che partecipano alla WTCR Race of Portugal, solo Gilles Magnus e Santiago Urrutia non hanno avuto esperienze precedenti con questo impegnativo tracciato.

HUFF ALLUNGA NEL WTCR TROPHY

Rob Huff si presenta alla WTCR Race of Portugal allungando nella classifica del WTCR Trophy dopo un’ottima WTCR Race of Spain. La categoria per i piloti indipendenti senza il sostegno finanziario di un costruttore è stata introdotta nel 2020 e conta tra i suoi vincitori Jean-Karl Vernay e Gilles Magnus. Huff ha vinto la categoria in Gara 2 della WTCR Clean Fuels for All Race of France dopo che Mehdi Bennani aveva trionfato nella gara di apertura per il Comtoyou Team Audi Sport. Il pilota britannico ha poi ottenuto una doppia vittoria per Zengo Motorsport all’Hungaroring, bissando al MotorLand Aragón, con Bennani e il suo compagno Dániel Nagy a podio. Tom Coronel si è invece ritirato due volte in Spagna.

IL WTCR IN BREVE

Il WTCR, trasmesso in oltre 185 Paesi, è l’apice delle gare turismo per team clienti e si colloca al vertice della categoria TCR. Nato dal FIA World Touring Car Championship, il WTCR è amministrato dalla FIA e promosso da Discovery Sports Events.

Cinque marchi automobilistici, Audi, CUPRA, Honda, Hyundai e Lynk & Co, sono rappresentati attraverso i loro reparti corse clienti, mentre otto squadre, che utilizzano tutte pneumatici Goodyear e carburanti sostenibili dell’azienda tedesca P1 Racing Fuels, sono iscritti per puntare al titolo nel 2022.

Oltre agli ambiti titoli mondiali FIA per i piloti e le squadre, i piloti indipendenti senza sostegno finanziario da parte di un marchio sono ammissibili per il WTCR Trophy. Nel frattempo, il Balance of Performance aiuterà a mantenere la parità di condizioni. La potenza del motore è limitata a 360 CV e la velocità raggiungerà i 260 km/h.

DATI

Gare: 9 e 10 di 20
Data: 1-3 luglio
Sede: Circuito Internazionale di Vila Real
Indirizzo: Av. Carvalho Araújo 7, 5000-651 Vila Real
Lunghezza: 4,790 chilometri
Distanza di gara 1: 30 minuti + 1 giro
Distanza di gara 2: 25 minuti + 1 giro
Record sul giro (qualifiche):
Attila Tassi (Honda Civic Type R TCR) 1m59.445s (144.30kph), 07/07/19
Record sul giro (gara):
Mikel Azcona (CUPRA TCR) 2m02.360s (140,9kph), 07/07/19

DESCRIZIONE

Un circuito bellissimo e ricco di storia quello del Portogallo. Le gare sui saliscendi di Vila Real risalgono al 1931, anno in cui Gaspar Sameiro ed Ercilio Barbosa vinsero l’evento sui 7.150m di pista con la loro Ford Model A. Negli anni a seguire non sempre vennero disputate gare, ma con l’arrivo del WTCC a Vila Real si è visto per la prima volta un Mondiale FIA. Il layout da 4.755m è ricco di curve, salite e discese, con diverse chicane inserite per motivi di sicurezza; l’ultima sezione in discesa vede le vetture toccare i 240km/h. Una cosa è certa: lo spettacolo è assicurato.

IL PROGRAMMA

Sabato 2 luglio

09h00-09h45: Prove libere 1 (in diretta su Facebook, YouTube, Eurosport Player)
12h00-12h45: Prove libere 2 (in diretta su Facebook, YouTube, Eurosport Player)
17h05-17h35: Qualifiche Q1 (in diretta su Eurosport Player e altre emittenti in tutto il mondo)
17h40-17h55: Qualifiche Q2 (in diretta su Eurosport Player e altre emittenti in tutto il mondo)
18h05-18h20: Qualifiche Q3 (in diretta su Eurosport Player e altre emittenti in tutto il mondo)

Domenica 3 luglio

13h10: Gara 1 (30 minuti+1 giro) (in diretta su Eurosport Player e altre emittenti in tutto il mondo)
14h00 (circa): Podio di Gara 1
17h15: Gara 2 (25 minuti+1 giro) (in diretta su Eurosport Player e altre emittenti in tutto il mondo)
18h00 (circa): Podio di Gara 2

ALBO D’ORO

2021 (Circuito do Estoril):
Gara 1: Yann Ehrlacher (FRA) Cyan Racing Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR
Gara 2: Attila Tassi (HUN) ALL-INKL.DE Münnich Motorsport, Honda Civic Type R TCR

2019 (Circuito Internacional de Vila Real):
Gara 1: Norbert Michelisz (HUN) Hyundai i30 N TCR
Gara 2: Mikel Azcona (ESP) CUPRA TCR
Gara 3: Tiago Monteiro (PRT) Honda Civic Type R TCR

2018 (Circuito Internacional de Vila Real):
Gara 1: Yvan Muller (FRA) Hyundai i30 N TCR
Gara 2: Mato Homola (SVK) Peugeot 308 TCR
Gara 3: Thed Björk (SWE) Hyundai i30 N TCR

WTCR – Elenco iscritti 2022

#5 Norbert Michelisz (HUN) BRC Hyundai N Squadra Corse, Hyundai Elantra N TCR
#9 Attila Tasi (HUN) LIQUI MOLY Team Engstler, Honda Civic Type R TCR
#11 Thed Björk (SWE) Cyan Performance Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR
#12 Santiago Urrutia (URY) Cyan Performance Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR
#16 Gilles Magnus (BEL) Comtoyou Team Audi Sport, Audi RS 3 LMS
#17 Nathanaël Berthon (FRA) Comtoyou DHL Team Audi Sport, Audi RS 3 LMS
#18 Tiago Monteiro (PRT) LIQUI MOLY Team Engstler, Honda Civic Type R TCR
#25 Mehdi Bennani (MAR) Comtoyou Team Audi Sport, Audi RS 3 LMS
#29 Néstor Girolami (ARG) ALL-INKL.COM Münnich Motorsport, Honda Civic Type R TCR
#33 Tom Coronel (NLD) Comtoyou DHL Team Audi Sport, Audi RS 3 LMS
#55 Ma Qing Hua (CHN) Cyan Racing Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR
#68 Yann Ehrlacherr (FRA) Cyan Performance Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR
#79 Rob Huff (GBR) Zengo Motorsport, CUPRA Leon Competición
#86 Esteban Guerrieri (ARG) ALL-INKL.COM Münnich Motorsport, Honda Civic Type R TCR
#96 Mikel Azcona (ESP) BRC Hyundai N Squadra Corse, Hyundai Elantra N TCR
#99 Dániel Nagy (HUN) Zengo Motorsport, CUPRA Leon Competición
#100 Yvan Muller (FRA) Cyan Racing Lynk & Co, Lynk & Co 03 TCR

IL NUOVO FORMAT

Stesso format di qualifica, ma assegnazione dei punti modificata

Le tre fasi di qualifica (Q1, Q2, Q3) ad eliminazione rimangono invariate, ma sarà nuova l’assegnazione dei punti.

Dal prossimo anno, i cinque piloti più veloci in qualifica, indipendentemente da quale manche si sia disputata, saranno premiati su una scala 10-8-6-4-2.

Il cambiamento incoraggerà tutti a spingere per ottenere i tempi migliori in ogni fase ed evitare la tentazione di adottare un approccio strategico cercando di assicurarsi il 10° posto in Q2, che vale la pole position per griglia parzialmente invertita.

Gara 1 torna ad essere la principale, Gara 2 a griglia inversa

In Gara 1 i piloti si schiereranno in base ai risultati combinati delle qualifiche e gareggeranno per 30′ + 1 giro (35′ + 1 giro su circuiti stradali in caso di intervento della safety car).

I primi sette classificati otterranno più punti rispetto al passato, sulla seguente scala: 1° = 30 punti; 2° = 23; 3° = 19; 4° = 16; 5° = 14; 6° = 12; 7° = 10; 8° = 8; 9° = 7; 10° = 6; 11° = 5; 12° = 4; 13° = 3; 14° = 2; 15° = 1.

Gara 2 diventa la gara a griglia parzialmente invertita, della durata di 25′ + 1 giro (o 30′ + 1 giro se c’è un intervento della safety car su un cittadino). I punti saranno assegnati come segue: 1° = 25 punti; 2° = 20; 3° = 16; 4° = 13; 5° = 11; 6° = 10; 7° = 9; 8° = 8; 9° = 7; 10° = 6; 11° = 5; 12° = 4; 13° = 3; 14° = 2; 15° = 1.

Le griglie di partenza

La griglia di partenza di Gara 1 sarà determinata dai risultati finali della Q3 (posizioni 1-5) e Q2 (posizioni 6-12) per le prime 12 della griglia. I risultati della Q1 decideranno il resto dello schieramento di Gara 1.

Per Gara 2, le posizioni in griglia dalla 1 alla 10 saranno occupate dalle prime 10 auto secondo i risultati finali complessivi delle qualifiche, ma in ordine inverso.

Le posizioni 11 e 12 vedranno le auto classificatesi tali al termine della Q2. Il resto dello schieramento sarà determinato dai risultati della Q1 (dalla 13 in poi).

Gare più lunghe, ora in minuti e non in km

Gara 1 durerà 30 minuti + 1 giro, mentre Gara 2 sarà di 25′ + 1 giro. Nei circuiti cittadini, in caso di intervento della safety car, Gara 1 sarà automaticamente estesa a 35′ + 1 giro, mentre Gara 2 passerà a 30′ + 1 giro. L’obiettivo è quello di allungare la durata di ogni gara di due giri per fornire ai concorrenti più tempo in pista.

Tempo di riparazione allungato

L’opportunità di fare rifornimento, riparazioni e cambi di assetto tra le gare è stata estesa a un minimo di 60 minuti, rispetto ai precedenti 20′. L’aumento darà alle squadre più opportunità di sistemare i danni di Gara 1 in un modo meno intenso, o passare a un assetto che potrebbe migliorare le prestazioni delle auto per Gara 2 e incrementare le possibilità di vincere.

Con più tempo per preparare le auto per la seconda gara del fine settimana, i piloti saranno più inclini a combattere più duramente in Gara 1, con l’obiettivo di fondo di avere corse più belle.

Rivisto il Compensation Weight

Le regole sul Compensation Weight sono state riviste e semplificate per il 2022. Tutte le auto non avranno alcun peso di compensazione al primo evento della nuova stagione. Dal secondo evento, la zavorra sarà basata sul miglior tempo di qualifica stabilito durante quello precedente. Dal terzo, il peso di compensazione sarà basato sul miglior crono ottenuto fra le due Qualifiche degli eventi precedenti, anziché sulla media dei migliori due tempi sul giro contando i tre round disputati in precedenza, come accadeva nel 2021.

Ciò significa che il peso di compensazione sarà più rapido da aggiornare e quindi più reattivo. Inoltre, il peso massimo di compensazione è stato ridotto da 60 a 40 chilogrammi per evitare prestazioni contrastanti significative da una gara all’altra e quindi rendere i livelli di prestazione di ogni marchio ancora più vicini. Gli stessi principi di peso di Compensation Weight si applicheranno agli iscrittii gara per gara.

LE PAROLE DEI PROTAGONISTI

Thed Björk (Cyan Performance Lynk & Co / Lynk & Co 03 TCR): “È un circuito cittadino che si può definire la piccola Macao. L’atmosfera è fantastica e la gente crea una sensazione davvero piacevole per noi piloti e sono sempre molto felice quando ci vado. Il tracciato non permette di rilassarsi, fa sempre molto caldo e i cordoli sono brutali, quindi bisogna mettere la macchina esattamente nel posto giusto. Le velocità elevate in alcuni punti rendono il tracciato difficile e impegnativo, ma gratificante. E se si riesce a mettere insieme il giro si viene davvero premiati. Nel 2018 ho avuto uno dei più grossi incidenti da quando sono nelle corse di auto turismo, la mia ha preso fuoco e c’erano macchine ovunque. Ma il team ha lavorato tutta la notte, tutta la mattina fino alle qualifiche del giorno dopo per rimettere a posto la macchina e io mi sono qualificato primo e ho vinto la gara. È stata una sensazione incredibile e ora penso a quel giro di qualifica con la voglia di rifarlo”.

Tom Coronel (Comtoyou DHL Team Audi Sport / Audi RS 3 LMS): “I circuiti stradali sono sempre il mio plus. Ho vinto a Marrakech, Macao, Monaco e naturalmente a Vila Real, che è molto bello per le alte velocità. È un circuito molto difficile e non si può mai fare un giro uguale all’altro. Ho un buon feeling con Vila Real e anche perché Coronel è un nome portoghese, il che aiuta. Sui circuiti cittadini la qualifica è l’80% della gara, a meno che non si commetta un errore. Ma si può essere abbastanza bravi e nessuno può passarti. Con il Joker Lap si può usare la strategia per vincere molto, ma si può anche perdere la gara e qualche posizione, quindi è una scelta strategica e qualcosa di unico che abbiamo nel Mondiale Turismo”.

Rob Huff (Zengo Motorsport / CUPRA Leon Competición): “È un circuito stradale diverso. La maggior parte sono solo barriere di cemento per tutto il percorso. A Vila Real molte curve sono un po’ più aperte con le chicane e le mini rotonde. In quelle curve è un po’ più facile perché non è un circuito stradale completo, ma è un giro molto lungo, ci sono molti elementi stradali ed è molto tecnico, davvero. Ci sono un sacco di cose ad alta velocità e poi ci sono questi enormi cordoli su queste mini rotonde, quindi è davvero difficile regolare le sospensioni per ottenere un buon equilibrio. Ovviamente, il pilota ha un ruolo importante in questi circuiti, perché la quantità di rischio che si vuole correre entra in gioco in modo massiccio. Ma per me è un circuito meraviglioso. Non ho mai vinto, ma ho fatto una pole position e sono davvero entusiasta di tornarci. Abbiamo ottenuto dei buoni risultati, ma non proprio quelli che speravamo in quel momento. Mi piacciono i circuiti stradali, non sono un grande fan di questi in stile F1, mi piacciono quelli piccoli e condensati dove ci sono dei limiti reali. Non ci sono limiti alla pista, la macchina finisce nelle barriere se si commette un errore, quindi è una vera gara di precisione”.

Norbert Michelisz (BRC Hyundai N Squadra Corse / Hyundai Elantra N TCR): “È uno dei circuiti più difficili e molto particolare per essere un cittadino. Ci sono chicane e curve incredibilmente impegnative e poi c’è il Joker Lap, che è sempre un po’ di pepe in più. E poi c’è il caldo, quindi è uno dei fine settimana in cui bisogna essere al massimo della condizione per gareggiare. Se si combinano il Nürburgring Nordschleife e Macao, probabilmente si ottiene Vila Real. È molto speciale e uno dei miei posti preferiti in cui andare. Adoro il Portogallo, adoro il circuito e ho già vinto lì”.

Tiago Monteiro (LIQUI MOLY Team Engstler / Honda Civic Type R TCR): “Tutti noi ricordiamo molto bene ogni centimetro del tracciato, ma il punto è la fiducia, soprattutto su una pista come questa, dove devi impegnarti molto di più che su qualsiasi altro tracciato. È solo la velocità con cui si riesce a prendere il ritmo e il feedback che la macchina ci dà. Se è facile da guidare ed efficiente allo stesso tempo, ti rende la vita più facile, ma se diventa un po’ complicata ci vuole più tempo per prendere confidenza. Conosco molto bene il tracciato, senza dubbio, ma lo stesso vale per i miei avversari, e ora si tratta di capire quanto sarà buona la macchina e quanto velocemente si riuscirà a ritrovare il ritmo e la modalità di attacco. È una pista molto difficile ed è per questo che è così emozionante. Probabilmente è più difficile di Macao. Sebbene Macao sia più lungo e altrettanto emozionante, a Vila Real ci sono curve più difficili, con frenate brusche e chicane, e alcune zone veloci. L’intero tracciato è una sfida, non ci si può rilassare, e la lunga discesa verso l’ultima curva la rende una delle curve più difficili del mondo. Anche lo stato d’animo è diverso. È quasi come se non fossi più lì, ma fluttuassi in questa strana sensazione. Sei così concentrato che una volta che sei in sintonia con la macchina e la pista non esiste nient’altro e questo non accade in molti posti. L’unico problema è che se non si trova questa connessione, si fa molta fatica e si litiga. Ma se si riesce ad avere questa chimica, che si costruisce, allora si può fare molto bene”.

LO SAPEVATE?

*La seconda gara a Vila Real sarà la centesima del WTCR – FIA World Touring Car Cup dopo che la serie è iniziata sulle strade di Marrakech, in Marocco, nel 2018.
*Sono state apportate molte modifiche al regolamento dall’ultima visita del WTCR a Vila Real nel luglio 2019.
*Norbert Michelisz (una volta) e Yann Ehrlacher (due volte) hanno conquistato i titoli piloti in questo periodo, mentre Esteban Guerrieri è quello di maggior successo del WTCR in termini di vittorie in gara, con il portacolori Honda che ha trionfato 10 volte per la ALL-INKL.COM Münnich Motorsport.
*Le qualifiche sono ora a tre fasi per due gare, anziché tre. Gara 1 è la gara a griglia standard, mentre Gara 2 è ora quella invertita.
*Le distanze delle gare sono state modificate per il 2022, con Gara 1 programmata per 30 minuti + 1 giro e Gara 2 per 25 minuti + 1 giro.
*Anche l’assegnazione dei punti è stata modificata per questa stagione, con un maggior numero di punti in palio nelle qualifiche e in Gara 1.
*Dodici piloti hanno vinto gare del WTCR in una stagione 2021 molto combattuta, con tutti e cinque i marchi che hanno vinto più di una volta.
*Sette nazionalità sono rappresentate dai piloti in questa stagione, mentre altre due sono rappresentate dai team e due dai costruttori, a sottolineare l’appeal globale del WTCR.
*Dei 17 piloti che corrono per tutta la stagione, solo uno, Dániel Nagy, non ha ancora vinto una gara del WTCR, anche se in un’occasione è arrivato secondo.
*La Honda Civic Type R Limited Edition è la Safety Car ufficiale del WTCR per la terza stagione. Richard Veldwisch, olandese, la guiderà nella WTCR Race of Portugal.

LE CLASSIFICHE

Piloti

Goodyear #FollowTheLeader: Mikel Azcona, 129 punti
2 Gilles Magnus, 95 punti
3 Santiago Urrutia, 93 punti
4 Rob Huff, 93 punti
5 Yann Ehrlacher, 92 punti

Team

1 BRC Hyundai N Squadra Corse, 165 punti
2 Cyan Racing Lynk & Co, 155
3 ALL-INKL.COM Münnich Motorsport, 150 punti
4 Cyan Performance Lynk & Co, 138
5 Comtoyou Team Audi Sport, 127

WTCR Trophy

1 Rob Huff, 63 punti
2 Mehdi Bennani, 32
3 Tom Coronel, 26
4 Dániel Nagy, 23