News

Cinque domande a Daniel Haglof

2019-09-02T18:00:44+02:002 Settembre, 2019|2019, WTCR Race of China 2019|

Daniel Haglöf non è solamente pilota del WTCR – FIA World Touring Car Cup presented by OSCARO, ma gestisce anche la PWR Racing, il team che schiera le Cupra per lui e per Mikel Azcona. Vediamo cosa ha detto prima della WTCR Race of China di Ningbo.

Se dovessi scegliere altri piloti con te sul podio di qualsiasi epoca, chi vorresti?
“Valentino Rossi ed Ayrton Senna. Rossi per quello che ha fatto in carriera, Senna per il pilota che era”.

Nel WTCR ci sono 10 piste, quale vorresti aggiungere?
“La Drivecenter Arena di Skellefteå. Ci siamo stati con il TCR Scandinavia e c’era tantissima gente, poi si è corso a mezzanotte col sole, sarebbe bellissimo”.

Hai qualche rito pre-gara?
“Non sono molto supertizioso, se vedo che faccio qualcosa di particolare, poi cambio. Qualcosa può capitare, ma in realtà non voglio dipendere da gesti speciali, alla fine in pista succedono cose che non si possono controllare e non dipendono da te”.

Perché hai scelto il numero 37?
“L’avevo sui kart e nel Mini Challenge, la prima categoria che ho fatto. Con le Mini non sapevo che avesse una valenza storica, è il numero con il quale il marchio vinse il Rally di Monte Carlo del World Rally Championship, è stato bello conoscere questa storia. In realtà però io ci sono legato per via dei kart e quando posso lo tengo”.

Cosa farai quando ti fermerai?
“Quando ho iniziato a correre da pilota professionista avevo in mente di fondare un mio team, cosa che ho fatto. Al momento faccio due cose, quindi ho due ottime opzioni!”