News

Cinque domande ad Augusto Farfus

2019-08-23T09:33:10+02:00Agosto 20th, 2019|2019, WTCR Race of China 2019|

Augusto Farfus non ha mai corso sul Ningbo International Speedpark, teatro della WTCR Race of China: ecco le parole del pilota del BRC Hyundai N LUKOIL Racing Team.

Perché hai scelto il numero 8?
“Ho iniziato a correre in moto e avevo questo numero, poi quando sono passato ai kart era già occupato, per cui ho preso il 18. Ho usato per anni questo numero, ma quando posso torno sempre all’8 perché lo considero il mio. Nel WTCR il 18 era già di Monteiro, dunque sono di nuovo con l’8″.

Se dovessi scegliere altri piloti con te sul podio, chi vorresti?
“Sarebbe un onore condividerlo con Senna, non c’è niente da aggiungere su di lui. Poi mi piacerebbe Hamilton. Sono due piloti di generazioni completamente differenti, come lo è anche Verstappen. Senna è stato il più grande in un’epoca dove c’era più libertà, ma comunque sono entrambi fantastici”.

Cosa farai quando ti fermerai?
“Ci sono tante cose che non ho mai fatto perché non ho tempo, forse potrei prendere in mano la gestione della catena di ristoranti di famiglia che abbiamo in Brasile, ma onestamente non ci ho pensato”.

Nel WTCR ci sono 10 piste, quale vorresti aggiungere?
“Curitiba in Brasile. Le gare del FIA World Touring Car Championship sono sempre state stupende e ci tornerei volentieri”.

Hai qualche rito pre-gara?
“Prego e mi immergo nei miei pensieri, tutto qui”.