News

Esports WTCR OSCARO: Baldi e Raechl sugli scudi

2019-10-08T08:59:03+02:0030 Settembre, 2019|2019, eSports|

Gergo Baldi e Michael Raechl hanno vinto le gare di Esports WTCR OSCARO a Suzuka, con l’ungherese che trionfa per la seconda volta in stagione balzando al comando della classifica, mentre per il tedesco è la prima affermazione nella competizione di RaceRoom.

Qualifiche: Jarschel batte Keithley e si prende la pole
Dopo il miglior tempo di Alexander Dornieden (FA Racing Esports / Lynk & Co) in pre-qualifica davanti a Gergo Baldi (M1RA Esports / Hyundai), la prima fila è stata del binomio Cupra-Audi, con Tim Jarschel (EURONICS Gaming / CUPRA) in pole position battendo Jack Keithley (Williams Esports / Audi).

Gara 1: Baldi rimonta e vince
Keithley ha attaccato alla curva 1 Jarschel, che però non lo ha mollato e alla chicane del triangolo c’è stato un contatto: Keithley si è girato e Nikodem Wisniewski (Williams Esports / CUPRA) è passato davanti a Jarschel. Anche Julian Kunze (EURONICS Gaming / CUPRA) è finito fuori alla stessa curva.

Wisniewski è stato messo sotto pressione rapidamente da Jarschel e al giro 3 il tedesco ha provato l’attacco al polacco, ma anche qui i due si sono toccati e Jarschel è piombato contro le barriere. Gergo Baldi è risalito secondo, mentre Florian Hasse ha sbagliato alla “Degner” andando a muro.

A metà gara, Baldi ha provato a superare Wisniewski alla curva 1 all’esterno, per poi incrociare le traiettorie e passare al comando. Bence Bánki si è poi avvicinato a Wisniewski, ma il trio non ha avuto altri spazi per scambiarsi le posizioni fino alla fine. Quarto si è piazzato Moritz Löhner (Williams Esports), seguito da David Nagy (M1RA Esports / Hyundai) ed Alexander Dornieden.

Primi punti per Zoltan Csuti (M1RA Esports / Hyundai) e Norbert Leitner (Nice Gaming / CUPRA), in Top10 assieme a Michael Raechl (EURONICS Gaming) ed Attila Dencs (ZENGO Esport), che si guadagnano la partenza dalla prima fila di Gara 2.

Gara 2: Raechl centra il successo
Dencs è partito meglio di Raechl, ma l’ungherese al tornantino lo ha infilato, lasciando la lotta per il secondo posto al rivale, incalzato da Dornieden e Leitner.

Dencs al giro 3 è andato oltre i track limits prendendosi una penalità con lo “slow-down” e crollando sesto, per poi tagliare troppo la “Degner 1”, scivolando sull’erba e centrando un lento Löhner.

Davanti, Raechl si è dovuto difendere da Leitner, mentre Dornieden ha dovuto chiudere la porta alle Hyundai della M1RA guidate da Csuti e Nagy. Quest’ultimo è finito fuori alla prima curva provando a passare Dornieden all’esterno, poi al giro seguente anche Leitner e Csuti hanno commesso lo stesso errore perdendo terreno.

Dornieden è salito secondo, ma anche lui si è preso uno “slow-down penalty” con 7′ da percorrere; Bánki e Baldi si sono messi quindi all’inseguimento di Raechl, che però ha difeso la prima piazza conquistando il suo primo successo nella serie in assoluto.

Baldi e Bánki completano il podio seguiti da Dornieden, Csuti, Wisniewski, Leitner, Jaroslav Honzik (Actrollvision / Hyundai), Jack Keithley e Nestor Garcia (Red Bull Racing Esports / Audi), in rimonta dal fondo dopo una penalità.

Server 2: Primo successo per Nagy
Balazs Nagy ha vinto Gara 1 con la sua Volkswagen davanti a Kamil Kurek (Audi) e Valentin Barrier (Lynk & Co). In Gara 2 Mate Mezoffy ha invece battuto Valentino Adams e Jimmy Reimer.

Le classifiche
Baldi è a +7 su Banki e +20 su Wisniewski, con Hasse quarto e Kuba Brzezinski in Top5, incalzato da Dornieden, Löhner e Jarschel nella rincorsa alla Top8 che li vedrà invitati in Malesia per il gran finale.

La replica di Suzuka

Prossimo appuntamento
Macao – domenica 6 ottobre