News

Gara 3: emozionante successo di Monteiro in casa

2019-07-07T19:57:22+02:00Luglio 7th, 2019|2019, WTCR Race of Portugal 2019|

Tiago Monteiro ha conquistato un emozionante trionfo in Gara 3 della WTCR Race of Portugal battendo Yvan Muller.

Il pilota della KCMG, tornato a correre dopo oltre un anno di stop dovuto all’infortunio dell’incidente del 2017, diventa così l’undicesimo vincitore diverso di questa stagione.

“Dio solo sa quanto abbiamo lavorato per questo – ha detto il portoghese – Dopo l’incidente di due anni fa non potete immaginare quanto sia stata dura tornare. Ho sempre sognato tutto ciò e ora si è avverato, è incredibile. Mi dispiace per Attila, che avrebbe voluto vincere, ma qualcuno ha vegliato su di me fin da quando ero in ospedale. Negli ultimi due giri ho perso la concentrazione, sono stati i più duri della mia carriera”.

Il suo compagno Attila Tassi era partito bene dalla DHL Pole Position, con Monteiro subito dietro e Muller a superare Yann Ehrlacher. L’ugherese ha perso la leadership al giro 4, Muller ha effettuato il ‘joker’ lap superando anche lui Tassi, mentre Monteiro lo ha effettuato due giri dopo restando con la sua Honda davanti alla Lynk & Co del francese e cominciando a guadagnare acclamato dal suo pubblico.

Muller è stato avvicinato da Ehrlacher e da Mikel Azcona con la Cupra della PWR Racing, ma alla fine sul podio salgono i due della Cyan Racing, con Jean-Karl Vernay che batte Rob Huff nel duello per la Top5.

Settimo Néstor Girolami (ALL-INKL.COM Münnich Motorsport), mentre il suo compagno Esteban Guerrieri si è dovuto ritirare per una collisione con Nicky Catsburg (BRC-Hyundai).

Thed Björk porta a punti la sua Lynk & Co in ottava piazza, seguito da Ma Qinghua e Norbert Michelisz, poi troviamo un gruppetto formato da Johan Kristoffersson, Aurélien Panis, Kevin Ceccon (Team Mulsanne – Alfa Romeo), Mehdi Bennani e Gabriele Tarquini.

Sfortuna in casa Comtoyou Team Audi Sport per il ritiro di Frédéric Vervisch, fermatosi a due giri dalla fine con una sospensione rotta quando era undicesimo.