News

Kristoffersson vince, Guerrieri nuovo leader

2019-10-27T04:11:25+01:00Ottobre 27th, 2019|2019, WTCR Race of Japan 2019|

Johan Kristoffersson ha vinto Gara 3 della WTCR JVCKENWOOD Race of Japan davanti ad Esteban Guerrieri, che con il secondo posto torna leader del WTCR – FIA World Touring Car Cup presented by OSCARO.

Lo svedese è partito dalla DHL Pole Position, perdendo momentaneamente la posizione alla curva 1 e riprendendosela alla curva 2 mettendosi alle spalle Tiago Monteiro.

“Non sono scattato bene e Tiago mi ha superato alla curva 1, poi sono riuscito a riscavalcarlo con una mossa da rallycross”, ha detto Kristoffersson.

La Safety Car è dovuta entrare in azione per un incidente che ha coinvolto Ritomo Miyata, Tom Coronel e Ma Qinghua, con l’Audi del giapponese e la Cupra dell’olandese rimaste nella sabbia.

Al giro 8 la gara è ricominciata e Kristoffersson si è tenuto dietro Monteiro e Guerrieri, che è salito terzo beneficiando dello stallo da parte di Mikel Azcona. Il pilota della KCMG ha poi fatto passare quello della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport al giro 28 per gioco di squadra Honda.

Kevin Ceccon è stato grandissimo protagonista con la sua Alfa Romeo Giulietta Veloce TCR. Il pilota del Team Mulsanne, partito settimo, era scivolato ottavo, ma ha poi sopravanzato Rob Huff, Gabriele Tarquini ed Andy Priaulx.

Nel finale Ceccon si è messo dietro anche Thed Björk, con podio conquistato in un colpo di scena finale, quando la Audi R8 safety car è dovuta tornare sul tracciato per un’uscita di Ryuichiro Tomita. Monteiro, in quel momento terzo, anzichè tagliare il traguardo è rientrato ai box, lasciando così il terzo posto al bergamasco.

“E’ stato un errore di comunicazione – ha spiegato il portoghese – Pensavo fosse già l’ultimo giro e sono rientrato ai box, per cui Kevin mi ha passato. E’ stato strano perché mancava un giro ed è entrata la safety car, una decisione strana da capire”.

Monteiro è quindi quarto davanti a Björk, Tarquini, Priaulx, Huff e Norbert Michelisz, che si è difeso da Jean-Karl Vernay, che completa la Top10 con la sua Audi.

A punti vanno anche Nicky Catsburg, Benjamin Leuchter, Frédéric Vervisch, Néstor Girolami e Yvan Muller, mentre Attila Tassi (KCMG) è scivolato indietro per una penalità di 5″ ricevuta per essersi schierato fuori posizione in griglia.