Muller: "La priorità del 2020 era il titolo di Ehrlacher, non il mio"

2020-11-19T18:00:40+01:00Novembre 19th, 2020|2020|

Yvan Muller non ha pensato di estendere l’incredibile striscia di record nel FIA World Touring Car al MotorLand Aragón, dove in Gara 2 ha potuto festeggiare il titolo di suo nipote Yann Erhlacher.

Il francese ha vinto la gara e chiuso ancora una volta in Top3 per la 13a stagione (su 14) nel Mondiale Turismo, con un occhio però sul compagno di squadra.

“Vincere non era la mia priorità, avrei potuto farlo a Budapest, ma l’ho regalata ad Yann – ha detto il pilota della Cyan Racing Lynk & Co, secondo alla fine in campionato – Il mio obiettivo era aiutarlo a diventare Campione, quando l’ho presentato al promoter François Ribeiro aveva solo 17 anni, ma gli ho detto che lo sarebbe diventato un giorno. E ora è così”.

“In Gara 2 sono partito bene e poi ho spinto per 5 giri. Con la safety car ho perso tutto, ma avevo ancora le gomme da sfruttare e ho riallungato”.