Non c'è tempo per fermarsi: la seconda parte di Luca Engstler a WTCR Fast Talk presented by Goodyear

2020-07-10T12:00:26+02:00Luglio 10th, 2020|2020|

Norbert Michelisz avrà un avversario in più nella lotta per il titolo 2020 del WTCR − FIA World Touring Car Cup quando la stagione comincerà al Salzburgring a settembre.

A marzo Luca Engstler si è laureato Campione del TCR Malaysia per la seconda volta e ora sarà portacolori dell’Engstler Hyundai N Liqui Moly Racing Team nel Mondiale.

Durante il lockdown il tedesco si è allenato intensamente con fitness e dieta per essere in forma per il WTCR, dove ha debuttato come wildcard nel 2019 e poi preso parte alle gare di Macao per sostituire Augusto Farfus, impegnato in FIA GT World Cup.

Nella seconda parte di WTCR Fast Talk podcast presented by Goodyear, Engstler racconta a Martin Haven le difficoltà del Circuito da Guia.

“Sinceramente se Andrea Adamo, il capo di Hyundai Motorsport, avesse deciso per un altro pilota a Macao non sarei stato deluso o triste perché era una tappa importantissima per il titolo. Ovviamente quando me l’ha detto sono impazzito, c’era tanta pressione, ma ho visto anche che lui e il team credevano in me, mi davano tutto per ottenere un buon risultato. Dovevo dare anche io tutto per confermargli che avevano fatto la scelta giusta e ho apprezzato molto questa cosa”.

In Hyundai Motorsport i titoli conquistati nei vari TCR da Luca lo hanno portato ad entrare nel Junior Driver Programme, e la prestazione di Macao alla fine gli è valsa l’ingaggio da ufficiale nel WTCR per Hyundai Motorsport Customer Racing.

“Quando mi hanno detto che avrei corso nel WTCR da ufficiale nel 2020 ero al settimo cielo. Ovviamente tutto è stato spostato per via degli eventi, non vedo l’ora di salire in macchina per le FP1 in Austria. Sono contentissimo e ora avrò una possibilità in più rispetto a quando ero wildcard perché farò tutta la stagione”.

“Avrò tanto da imparare e non mi aspetto di vincere subito delle gare, cercherò un approccio con preparazione molto affinata e tanto lavoro da svolgere. Voglio correre, divertirmi e imparare, poi vedremo dove finirò l’anno”.

“Non voglio mettermi pressioni con alte aspettative. So che ho il potenziale per fare molto bene, ma la strada è lunga e debbo lavorare sempre giorno e notte. Non voglio tornare a casa dal Salzburging con la sensazione che avrei potuto fare di più”.

Le due parti di Luca Engstler a WTCR Fast Talk podcast presented by Goodyear sono disponibili al seguente link: https://www.fiawtcr.com/wtcr-fast-talk/