Tre nuove piste per il WTCR

2021-08-19T10:10:21+02:00Agosto 19th, 2021|2021|

Il WTCR – FIA World Touring Car Cup avrà tre nuove sedi nel calendario 2021 per contribuire a garantire il programma completo di 16 gare su otto eventi.

L’Autodrom Most in Repubblica Ceca, il Circuito Pau-Arnos** in Francia e il Sochi Autodrom in Russia creeranno un’eccitante incognita per i piloti e le squadre, essendo tutte e tre novità per il campionato.

Oltre alle gare inaugurali del WTCR in Repubblica Ceca, Francia e Russia, la nuova data della prima WTCR Race of Italy all’Adria International Raceway è stata confermata per il 5-7 novembre**.

Il ritorno del WTCR in Asia è solo rimandato
Nonostante tutti gli sforzi fatti, l’auspicata tappa asiatica del WTCR è purtroppo sospesa per la seconda stagione. Ciò è dovuto alla continua incertezza sull’evoluzione della pandemia COVID-19 e alle restrizioni di viaggio che ne derivano.

Al centro delle restrizioni c’è il severo requisito di quarantena per entrare in Corea del Sud, Cina e Macao – i tre territori originariamente previsti per ospitare il trio di eventi di chiusura della stagione WTCR in ottobre e novembre. Con un periodo minimo di quarantena di 14 giorni richiesto da ogni paese, questo avrebbe portato i piloti, le squadre, i funzionari e tutti gli altri che lavorano nella serie a trascorrere più di due mesi lontano da casa, un’opzione del tutto impraticabile.

Come parte del suo impegno per la sostenibilità e come titolare dell’accreditamento ambientale a tre stelle della FIA, Eurosport Events si affida al trasporto marittimo per le sue gare internazionali. Tuttavia, per raggiungere la Corea del Sud in tempo per l’evento WTCR previsto all’Inje Speedium dal 16 al 17 ottobre, la nave container che trasporta le auto WTCR, i componenti di ricambio, le attrezzature e le infrastrutture, avrebbe dovuto lasciare l’Europa prima della fine di agosto. Senza alcuna chiarezza su quando l’obbligo di quarantena sarà revocato o se saranno imposte ulteriori restrizioni, la decisione di non includere gli eventi in Asia nel calendario 2021 è stata presa, anche se con notevole dispiacere.

Una stagione WTCR ricca d’azione riparte dall’Ungheria
Le sei gare del WTCR tenutesi finora nel 2021 sono state vinte da sei diversi piloti con quattro dei cinque marchi di corse clienti che partecipano al WTCR. Dei 22 piloti, nove hanno 25 anni o meno, sei hanno vinto titoli mondiali FIA, mentre Jessica Bäckman è diventata la prima pilota donna a competere e prendere punti nella serie, un’impresa che l’ambasciatrice del FIA Women in Motorsport ha raggiunto alla WTCR Race of Germany sul Nürburgring Nordschleife in giugno.

A partire dalla WTCR Race of Hungary del 21-22 agosto, quando i fan torneranno in tribuna all’Hungaroring dopo l’allentamento delle restrizioni nel paese, l’attenzione è ora rivolta a completare la stagione 2021 con un calendario europeo e raddoppiare gli sforzi per tornare in Asia nel 2022.

François Ribeiro, responsabile di Eurosport Events: “Sostituire gli eventi asiatici nel calendario 2021 non è stata una decisione facile e certamente non era qualcosa che volevamo fare, ma era l’unica opzione sul tavolo per proteggere i nostri addetti ai lavori e darci la migliore possibilità possibile di garantire le 16 gare previste e prolungare quella che si sta già dimostrando un’altra epica lotta per il titolo. Abbiamo esplorato ogni possibilità di mantenere gli eventi in Asia, ma abbiamo dovuto accettare di rimandarlo di un’altra stagione perché non si poteva rischiare di inviare merci in giro per il mondo senza alcuna garanzia che sarà possibile andare avanti con gli eventi previsti là. Anche se sono delusi, i promotori di questi eventi apprezzano e sostengono pienamente la decisione, così come le nostre emittenti globali e li ringraziamo tutti per la loro comprensione e la loro continua cooperazione. Non abbiamo perso tempo a iniziare le discussioni contrattuali con ogni evento perché è la nostra priorità assoluta tornare in Asia nel 2022. Dobbiamo anche riconoscere l’assistenza della FIA e di tutti i promotori di eventi e Federazioni nazionali coinvolte”.

Alan Gow, Presidente, FIA Touring Car Commission: “In questi tempi senza precedenti, i cambiamenti di calendario sono qualcosa su cui siamo preparati. Data la natura fluida della pandemia, era essenziale salvaguardare il calendario il più rapidamente possibile. Eurosport Events ha quindi messo in atto un forte programma di eventi per completare la stagione, dando anche a tre paesi e alle loro Federazioni la possibilità di ospitare il WTCR per la prima volta. Le aggiunte al calendario sono sedi nuove per le corse di auto turismo a livello mondiale, e ognuna ha le sue caratteristiche uniche. Questo fornisce ai piloti e alle loro squadre una nuova sfida e dà ai fan qualcosa in più. Siamo pronti per un’affascinante seconda parte della stagione”.

Le novità del 2021
Correre all’Autodrom Most permette a Eurosport Events di rinnovare la sua partnership con un luogo che ha ospitato il gran finale del FIA European Touring Car Cup nel 2017 e di portare il WTCR in un paese con un forte seguito motoristico per la prima volta. Con una lunghezza di 4,212 chilometri, Most si trova a circa 70 chilometri a nord della capitale ceca Praga e a breve distanza dalle città tedesche di Dresda e Lipsia. Most si sta preparando a ospitare la prossima settimana il FIA European Truck Racing Cup, mentre l’evento WTCR formerà un eccitante doppio weekend con il FIM Endurance World Championship per le moto. L’EWC è promosso da Eurosport Events e l’Autodrom Most avrà l’onore di ospitare l’inaugurale 8 Ore di Most, il nuovo finale di stagione EWC 2021.

Il WTCR diventerà la prima serie FIA a visitare il Circuito Pau-Arnos**, che ha recentemente subito una serie di aggiornamenti significativi. Situato a 20 chilometri a ovest della città di Pau, nel sud-ovest della Francia, il circuito è lungo 3,030 chilometri e ospiterà anche la Race FR per PURE ETCR, la serie di auto turismo elettriche di Eurosport Events, durante lo stesso fine settimana. Il WTCR non ha ancora tenuto una gara in Francia, ma il paese ha celebrato un notevole successo nella serie grazie al Campione in carica Yann Ehrlacher, oltre ai compatrioti e vincitori di gare Nathanaël Berthon, Yvan Muller e Jean-Karl Vernay.

Basato intorno al parco olimpico di Sochi che è stato sede dei giochi olimpici invernali 2014, il Sochi Autodrom è una pista permanente di 5,848 chilometri che ha ospitato il primo Gran Premio di Formula Uno russo nel 2014. Opera dell’architetto Hermann Tilke, ha ospitato la TCR International Series in passato e porterà per la prima volta il WTCR in Russia come chiusura della stagione 2021 a fine novembre. Gli attuali piloti WTCR Jordi Gené, Attila Tassi e Jean-Karl Vernay hanno tutti già corso a Sochi, con Gené Gara 1 del TCR International nel 2015.

La WTCR Race of Italy si terrà a novembre
La WTCR Race of Italy avrebbe dovuto svolgersi dal 31 luglio al 1° agosto, ma è stata rinviata per consentire il completamento dei lavori di ristrutturazione necessari a seguito dell’estensione del circuito. La nuova data del 6-7 novembre è soggetta al rilascio del necessario certificato di omologazione FIA Grado 3.

Calendario WTCR 2021 modificato

Round 1 e 2: WTCR Race of Germany, Nürburgring Nordschleife: 3-5 giugno
Round 3 e 4: WTCR Race of Portugal, Circuito do Estoril: 26-27 giugno
Round 5 e 6: WTCR Race of Spain, MotorLand Aragón: 10-11 luglio
Round 7 e 8: WTCR Race of Hungary, Hungaroring: 21-22 agosto
Round 9 e 10: WTCR Race of Czech Republic, Autodrom Most: 9-10 ottobre
Round 11 e 12: WTCR Race of France, Circuito Pau-Arnos**: 16-17 ottobre
Round 13 e 14: WTCR Race of Italy, Adria International Raceway**: 6-7 novembre
Round 15 e 16: WTCR Race of Russia, Sochi Autodrom***: 27-28 novembre

**Soggetto al rilascio del certificato di omologazione FIA Grado 3
***Soggetto all’approvazione del governo