News

WTCR, la stagione 2018: Parte 2

2018-06-10T06:00:47+02:00 giugno 10th, 2018|2018, WTCR Race of Germany 2018, WTCR Race of Netherlands 2018|

In attesa della WTCR Race of Portugal, vediamo cosa è accaduto fino ad ora nei primi round del WTCR – FIA World Touring Car Cup presented by OSCARO andati in scena in Marocco e Ungheria.

WTCR Race of Germany (10-12 maggio):

Yvan Muller è stato il grande mattatore delle gare tedesche del WTCR – FIA World Touring Car Cup presented by OSCARO con vittoria in Gara 1 e podio in Gara 3 che gli hanno consentito di passare al comando della serie.

L’argentino Esteban Guerrieri imita i connazionali Juan Manuel Fangio e José María López, ottenendo la prima gioia al Nurburgring Nordschleife in Gara 2, mentre Thed Björk centra il primo successo nel WTCR OSCARO, evento memorabile per tutta la YMR.

Dopo aver trionfato in Gara 1 giovedì, Muller si è aggiudicato il terzo posto in Gara 3 con la sua Hyundai i30 N TCR. Una prestazione che gli consente di scavalcare Gabriele Tarquini di 19 punti in attesa di recarsi a Zandvoort per le gare del 19-21 maggio.

Dal canto suo, il pilota della BRC è andato a sbattere sia in Gara 1 che in Gara 2, dovendo poi rinunciare alla terza finendo al centro medico per i controlli dovuti all’incidente che lo ha visto colpito da Gordon Shedden (penalizzato di 30″).

Dopo aver centrato entrabe le pole position (ma essere stato battuto da Muller in Gara 1), Björk si è rifatto in Gara 3 precedendo un ottimo Frédéric Vervisch, che con l’Audi RS 3 LMS TCR del Team Comtoyou ha pressato fino alla fine lo svedese. Il belga si porta a casa anche il TAG Heuer Best Lap Trophy.

In casa ALL-INKL.COM Münnich Motorsport c’è stata la festa per la vittoria di Guerrieri, che ha sfruttato la griglia invertita per piazzare subito la propria Honda Civic Type R TCR davanti al poleman Pepe Oriola, che con la Cupra TCR del Team OSCARO by Campos Racing era al debutto su questa pista e termina secondo.

Bene anche Benjamin Lessennes, quarto in Gara 3 davanti a Nathanaël Berthon. Norbert Michelisz si porta a casa un quarto e un quinto posto, ma si tocca con Rob Huff in Gara 3 finendo fuori, con l’inglese che può sorridere per il podio di Gara 1. L’ungherese si becca invece una penalità di 5 posizioni in griglia per il prossimo round.

René Rast, wildcard dell’evento, finisce fuori in Gara 2 e non parte per Gara 3. Partito dalla prima fila, il tedesco è venuto a contatto con Huff finendo contro le barriere e danneggiando lo sterzo, senza quindi poter proseguire.

WTCR Race of Netherlands (19-21 maggio)

Jean-Karl Vernay ha completato la sua memorabile giornata vincendo Gara 3 del WTCR – FIA World Touring Car Cup presented by OSCARO a Zandvoort, dove 110.000 fan sono accorsi anche per vedere Max Verstappen.

Il pilota dell’Audi Sport Leopard Lukoil Team era stato costretto a partire dal fondo in Gara 2 dopo che i suoi meccanici hanno sostituito il motore della sua RS 3 LMS TCR nella notte. Sfruttando al meglio la DHL Pole Position di Gara 3, il francese ha trionfato senza patemi.

Dopo la vittoria ottenuta da Yann Ehrlacher in Gara 1 di sabato, il francese ha chiuso secondo in Gara 2 alle spalle del vittorioso Aurélien Comte, che diventa l’ottavo pilota diverso ad aggiudicarsi un successo nel 2018.

Il francese della DG Sport Compétition aveva terminato secondo con la sua PEUGEOT 308 TCR in Gara 1 davanti a Rob Huff e Gordon Shedden, poi è riuscito a fare meglio oggi tenendosi dietro la Honda Civic Type R TCR di James Thompson al via, con l’inglese che poi ha ceduto la piazza d’onore a Ehrlacher in un ottimo gioco di squadra della ALL-INKL.COM Münnich Motorsport.

Huff ha riportato sul podio la Volkswagen Golf GTI TCR della Sébastien Loeb Racing in Gara 3 tagliando il traguardo secondo davanti a Frédéric Vervisch (Audi Sport Team Comtoyou), che si è rifatto dopo la delusione delle qualifiche dovute alla rottura della trasmissione.

Ehrlacher si porta a casa anche il TAG Heuer Most Valuable Driver e il TAG Heuer Best Lap Trophy, oltre a balzare in testa alla classifica di campionato davanti ad Yvan Muller, incappato in un weekend da dimenticare per i problemi accusati dalla sua Hyundai i30 N TCR in seguito ai cambiamenti del Balance of Performance. La sua squadra era stata bravissima a risistemare la vettura del francese, rimasta danneggiata in Gara 1 dopo il contatto con Norbert Michelisz.

Settimo posto in Gara 1 per Tom Coronel davanti ai suoi tifosi, mentre Pepe Oriola è quarto in Gara 2 seguito da Mehdi Bennani. Esteban Guerrieri ha ottenuto il quarto posto in Gara 3 battendo Shedden. La Wildcard Bernhard van Oranje è invece riuscita a completare tutte e tre le gare.